Come ottimizzare l'uso dell'acqua nella città 4.0?

16/12/2021 - Risorse
Come ottimizzare l'uso dell'acqua nella città 4.0?

Soluzioni possibili grazie all'IoT, salva l'acqua!

Con la crescente pressione del cambiamento climatico e della protezione dell'ambiente, i facility manager, i proprietari e gli affittuari stanno affrontando sfide crescenti legate alla conservazione, all'efficienza e al riutilizzo dell'acqua.
 
L'acqua sta diventando sempre più una risorsa scarsa e un asset strategico, e la sua gestione è fondamentale, anche nelle operazioni quotidiane e per le necessità di routine, soprattutto negli edifici con alte concentrazioni di utenti. L'acqua è onnipresente negli edifici e viene utilizzata per molte cose come la sanificazione, il cibo, la manutenzione, la pulizia, il lavaggio, il raffreddamento, l'irrigazione o la produzione. Mentre l'acqua è un bene prezioso e critico da usare con parsimonia, può anche avere effetti imprevedibili e dannosi se perde, aumenta o diminuisce di pressione ed è di scarsa qualità. Le perdite d'acqua possono danneggiare significativamente la struttura dell'edificio, le attrezzature, la decorazione, il cablaggio, i mobili e l'elettronica aumentando l'umidità e la muffa.
 
La gestione della distribuzione e dell'uso dell'acqua è quindi essenziale non solo per ottimizzare il consumo e ridurre i costi, ma anche per mantenere le strutture dell'edificio in buone condizioni nel tempo. A tal fine, molti infissi possono essere monitorati negli edifici intelligenti per raggiungere questi due obiettivi: Dagli sciacquoni dei gabinetti, i rubinetti per il lavaggio delle mani, i soffioni delle docce, le cucine e l'industria alimentare, gli impianti di pulizia e lavanderia o gli autolavaggi sotterranei, ma anche le caldaie e i sistemi di vapore, le apparecchiature di raffreddamento HVAC, i serbatoi sul tetto per regolare la pressione, le pompe e i sistemi a pressione, i sistemi sprinkler o le attrezzature professionali come i laboratori e la sanità. Prima viene monitorata la distribuzione e l'uso dell'acqua, prima vengono rilevate le perdite e più veloce è la risposta per evitare danni catastrofici.
 
I sensori e i dispositivi IoT possono aiutare a monitorare le reti di distribuzione dell'acqua e il consumo. I contatori d'acqua collegati, come parte di un sistema di lettura automatica dei contatori (AMR), possono raccogliere e condividere gli indici di consumo dell'acqua quando necessario, in modo proattivo o su richiesta. I contatori intelligenti possono raccogliere i volumi consumati, la pressione erogata e la portata dell'acqua per informare le società di servizi idrici e i gestori delle strutture sul contratto di fornitura. I sensori IoT, dotati di contatori a impulsi, possono anche essere aggiunti ai vecchi contatori per sfruttare rapidamente i vantaggi dei contatori intelligenti IoT, senza il costo e la complessità di sostituire i contatori che di solito venivano letti manualmente. I servizi idrici possono migliorare i loro servizi sulla base dei modelli di consumo osservati ed evitare gli sprechi d'acqua confrontando le letture dei contatori a diversi livelli della rete di distribuzione degli edifici. I sensori IoT alimentati a batteria sono anche abbastanza intelligenti e flessibili da rilevare l'umidità, le perdite e l'acqua nella rete idraulica, nei tubi e nelle valvole, e far scattare avvisi istantanei ai manager dell'edificio. Le perdite sono spesso il risultato della corrosione o dell'eccessiva pressione dell'acqua e i sensori IoT specifici sono progettati per questo scopo. I sensori di allagamento possono rilevare la presenza di acqua in aree soggette ad allagamenti a causa della presenza di apparecchiature che utilizzano acqua o di condutture idriche: quando rilevano acqua sul terreno, viene inviato un allarme per informare il gestore dell'edificio. I flussometri possono misurare i flussi nella rete di tubature e rilevare istantaneamente deviazioni anomale nella velocità del flusso d'acqua, nella pressione e nelle vibrazioni, il che significa che qualcosa è cambiato e che probabilmente dell'acqua sta uscendo. I sensori IoT elettromagnetici e ultrasonici possono ora rilevare accuratamente il flusso senza un'installazione intrusiva e attivare avvisi se osservano un cambiamento nel flusso del progetto.
 
I sensori acustici, d'altra parte, ascoltano il rumore specifico generato quando l'acqua scorre attraverso un tubo o una valvola rotta; a seconda delle dimensioni della perdita, il suono emesso potrebbe essere diverso - più alte sono le frequenze, più piccola è la perdita. Questi sensori possono essere combinati con contatori e valvole collegati che saranno utilizzati per interrompere la fornitura di acqua e consentire le riparazioni.
 
La connettività IoT di livello industriale di Kerlink, alimentata dalla tecnologia LoRaWAN, può aiutare i facility manager a distribuire e collegare in modo rapido, facile e conveniente le soluzioni di misurazione dell'acqua intelligente negli edifici. L'utilizzo della connettività IoT LPWA interna aiuta i proprietari e gli inquilini delle strutture a garantire una fornitura d'acqua sicura e costante, a risparmiare denaro evitando la distribuzione non necessaria, a rispondere rapidamente quando vengono rilevate le perdite, a risparmiare il tempo e le risorse necessarie per leggere manualmente i contatori e a gestire in modo proattivo la fornitura e la domanda d'acqua, sulla base dei modelli di misurazione e di utilizzo. Una rete IoT privata di livello industriale può accelerare e facilitare la diffusione di contatori d'acqua intelligenti e sensori IoT per monitorare costantemente la gestione e il consumo dell'acqua e migliorare l'impronta ambientale degli edifici.
Condividi l’articolo Sui social networks

Altri articoli